Roma

Chiesa di Santiago e
di Santa Maria di Monserrato
degli Spagnoli


V CENTENARIO DELLA CHIESA DI MONSERRATO

Nel 2018 ricorrono 500 anni dalla costruzione del palazzo che oggi ospita la Chiesa di Santiago e Monserrato degli Spagnoli. Per festeggiarlo, si svolgono vari eventi, tra cui la Santa Messa cantata e concelebrata da Sua Eminenza, il Reverendo Cardinale Carlos Amigo, nel giorno di Santiago, il 25 luglio 2018.

L'Opera Pia- Stabilimenti Spagnoli in Italia ha origine in una serie di disposizioni testamentarie e contributi fondazionali di cittadini ed enti spagnoli che, per le cure religiose, assistenziali e assistenziali sono stati prodotti attraverso i tempi, prima con l’Opera Pia di Castiglia e più tardi, già nel XIII secolo, anche con l’Opera Pia di Aragona. I suoi inizi risalgono all'undicesimo secolo, quando l’Opera Pia di Castiglia fondò una chiesa di Santiago accanto al Colosseo, che all'inizio del XIV secolo fu incorporato a San Giovanni. Questa chiesa sopravvisse fino al 1815, anno della sua demolizione. Seguì la fondazione di Infante Enrique, fratello di Alfonso X Il Saggio, che fu in seguito assorbito da Alfonso de Paradinas, vescovo di Ciudad Rodrigo, residente a Roma e grande benefattore dell'istituzione.

Santa Maria de Montserrat
Alla fine del Medioevo emersero diverse istituzioni a Roma, con chiese e ospedali, che fungevano da centro di accoglienza per gli spagnoli, specialmente per i bisognosi e gli ammalati. Una di queste istituzioni fu Santiago e San Ildefonso de los Españoles, l'istituzione fondata da Alfonso de Paradinas, e un'altra Santa María de Montserrat, che fu dotata del Barcelonano Jacoba Ferrándiz e della maiorchina Margarita Pau. Entrambe le istituzioni, con la loro origine e attività, acquisirono gradualmente il carattere delle chiese nazionali. Nel 1807 papa Pio VII approvò la sua unione canonica. Per questo motivo il tempio è rimasto come la Chiesa nazionale spagnola di Santiago, San Ildefonso e Montserrat.

I lavori di costruzione della chiesa hanno subito diverse interruzioni a causa della mancanza di risorse, ma gli architetti che hanno proseguito i lavori (Bernardino Valperga, Francesco da Volterra, ecc.) hanno rispettato il progetto originale. Le tre cappelle sul lato destro furono costruite tra il 1582 e il 1588. Quelle sul lato sinistro furono tra il 1592 e il 1594, grazie alla promozione di Cristobal Robuster, revisore di La Rota e poi vescovo di Orihuela. L'altare maggiore primitivo fu consacrato nel 1954. La volta della navata fu eretta tra il 1596 e il 1598. Quella dell'abside, tra il 1673 e il 1675, sotto la direzione dell'architetto romano Giovanni Battista Contini. L'intero interno fu ristrutturato da Giuseppe Camporese tra il 1818 e il 1821, data in cui fu costruito anche l'altare maggiore. La chiesa fu nuovamente consacrata nel 1822. Fu anche restaurata nel 1929 e nel 2000.

Capilla de Santa Maria de Montserrat
Le cappelle della chiesa sono le seguenti: cappella di Santa Ana, cappella di Santa María de Montserrat, cappella di Santiago el Mayor, cappella Mayor, cappella della Virgen del Pilar, cappella dell'Annunciazione e la cappella di San Diego de Alcalá dove riposano i resti dei papi Calixto III e Alejandro VI, entrambi della famiglia Borja. I resti di entrambi furono trasferiti dal Vaticano grazie al permesso concesso da Pablo V. Sotto si trova il cenotafio del re Alfonso XIII i cui resti sono rimasti in questa chiesa dalla sua morte nel 1941 fino al suo trasferimento al pantheon dei re di El Escorial nel 1980.
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI
  • GI

OBRA PÍA
ESTABLECIMIENTOS ESPAÑOLES EN ITALIA

Piazza di Spagna, 56
00187 Roma
+39 06 6791076 / +39 06 6792231

© Obra Pia 2021 Tutti i diritti riservati.
Powered by NOVA OPERA